LO SMOKING A FIRMA CLEOFE FINATI

LO SMOKING A FIRMA CLEOFE FINATI

Lo smoking o dinner jacket entra nel guardaroba maschile fra la seconda metà dell’Ottocento e i primi del Novecento, durante gli anni della Belle époque.

In questo periodo, la moda maschile guarda a Londra, in particolar modo a Edoardo principe di Galles; è infatti quest’ultima figura che introduce l’utilizzo dello smoking come tenuta da sera. Fino alla Seconda guerra mondiale, smoking e frac rappresentavano i capi da indossare nelle occasioni serali. Con il concludersi del conflitto invece “l’obbligo” rimase legato esclusivamente allo smoking.

Si tratta di un abito maschile utilizzato per cerimonie o balli, composto da una giacca di colore scuro con revers in raso, monopetto o doppiopetto; pantaloni sempre scuri. La camicia invece deve essere rigorosamente bianca, liscia o plissettata, con polsini doppi per bottoni in madreperla e gemelli. Per completare il nostro look mancano gli accessori: il papillon nero da allacciare a “nodo classico” e le scarpe pump nere, modello Oxford di vernice.

A differenza degli altri abiti da uomo, lo smoking ha mantenuto lo status di “abito da sera per eccellenza” tanto da venire sconsigliato per le cerimonie diurne (non va indossato prima delle 18.00).

Oggigiorno questo capo è consigliato per matrimoni tardo-pomeridiani/serali, eventi di gala, teatro e opera.
I colori più gettonati per la sua confezione sono: nero e blu scuro.

ECCO ALCUNE DELLE PROPOSTE SMOKING FIRMATI CLEOFE FINATI:

https://www.cleofefinati.com/abito-da-uomo-pitagora/

https://www.cleofefinati.com/abito-da-sposo-andrea-camilleri-1/

https://www.cleofefinati.com/abito-da-uomo-modello-albert-einstein/

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.