Le unioni civili in Italia sono legge

Con la legge sulle unioni civili approvata ieri l’Italia diventa il ventisettesimo Paese europeo a riconoscere legalmente le coppie dello stesso sesso. Vediamo insieme cosa cambia adesso.

GAY MARRIAGE
La Legge introduce per le persone omosessuali unite civilmente l’obbligo reciproco di assistenza morale e materiale e quello di contribuire ai bisogni comuni ed equipara il partner dello stesso sesso al coniuge per il diritto di eredità e la possibilità di chiedere gli alimenti in caso di separazione, anche se non permettono l’adozione co-genitoriale, la cosiddetta stepchild adoption. I partner, inoltre, potranno scegliere il cognome da portare: se tenere il proprio, assumere quello dell’altro o unire i due. Più semplici infine le procedure per sciogliere l’unione rispetto a quelle per il matrimonio.
Per quanto riguarda i figli nati fuori dal matrimonio possono essere riconosciuti, le madri potranno assolvere non solo i doveri ma anche i diritti nell’ambito familiare alla pari dei padri.

Cleofe Finati nozze gay
Dalla legge manca però un nome per i contraenti: non sono né coniugi, né mariti o mogli. La Cirinnà regola poi anche diritti e doveri dei «conviventi di fatto» etero o gay uniti «stabilmente da legami affettivi di coppia». A loro vengono riconosciuti gli stessi diritti di assistenza del coniuge nel caso di carcerazione e ricovero. E il subentro nell’affitto o il diritto a rimanere fino a 5 anni nella caso di proprietà del partner in caso del suo decesso. Più la possibilità di chiedere gli alimenti in caso di separazione.

019689-470-coppia_gay_telecomitalia
Un enorme passo avanti per l’Italia, che fin’ora era rimasto indietro su questo piano rispetto al resto d’Europa e del mondo.
Il cambiamento tanto atteso è ormai giunto e finalmente il sogno di milioni di coppie italiane di potersi sposare nel loro “Bel Paese” diventa realtà.
Anche la Maison Archetipo da sempre è a favore delle unioni civili, vestendo milioni di coppie gay in tutto il mondo che convolano a nozze, alle quali, finalmente, si aggiungono anche quelle italiane.
Un traguardo davvero rilevante

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Iscriviti
Hai perso la password? Per favore inserisci il tuo nome utente o l'indirizzo email. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.
Non condividiamo i tuoi dati personali con nessuno.